Associazione Istruzione Unita Scuola Sindacato Autonomo Sede Nazionale: Via Olona n.19-20123 Milano Tel/fax+390239810868

martedì 28 settembre 2010

È ora di far suonare un campanello d'allarme



Un assessore all'Istruzione dichiara che «non serve a nulla insistere nell'integrazione scolastica di alunni con disabilità psichiche», un insegnante di armonia (!) che «bisognerebbe fare delle classi differenziate per loro»... Reagiscono le associazioni, assai meno gli organi d'informazione, come se l'opinione pubblica stesse assorbendo senza reagire questi segnali di deterioramento civile. «Non credo che si debba enfatizzare ogni segnale di cretineria - scrive Franco Bomprezzi - però un campanello d'allarme deve risuonare da qualche parte»
L'attacco, ormai evidente, è al "politicamente corretto". Ha iniziato un assessore alla Cultura e all'Istruzione del Comune di Chieri, in Piemonte, provenienza UDC, a sostenere che in certi casi non serve a nulla insistere nell’integrazione scolastica di alunni con disabilità «psichiche, non fisiche», come ha poi ulteriormente specificato in conferenza stampa, peggiorando, a mio parere, la situazione. Ha proseguito un insegnante di "armonia" (sic!) al Conservatorio di Milano, dicendo «di non essere nazista», ma comunque di pensare che «un sano ritorno alla rupe Tarpea ci vorrebbe, anche perché è ora di finirla con il buonismo». «Io oggi sono molto critico - e non sono il solo - nei confronti di una scuola che penalizza i migliori. Bisognerebbe fare delle classi differenziate per loro, altro che balle...», scrive questo intellettuale su Facebook.Nel primo caso l’assessore se la prende con un giornalista della «Stampa», in questa seconda vicenda la "colpa", secondo il docente milanese, è del tono troppo colloquiale di Facebook.Insomma, sono tutti degli "incompresi", salvo poi insistere sulla questione di fondo. Ossia che quando si è in presenza di una disabilità psichica grave, sarebbe di gran lunga preferibile avere luoghi separati, scuole speciali, non disturbare i meritevoli, ossia i ragazzi "normali".Reagiscono ovviamente le associazioni, assai meno i giornali. L'opinione pubblica comincia ad assorbire senza reagire questi segnali di deterioramento civile, di ritorno a un clima che alimenta le peggiori paure.Non credo che si debba enfatizzare ogni segnale di cretineria, però un campanello d’allarme deve risuonare da qualche parte. Del resto non è un caso se testate come «Vita» e «Superando.it» si erano accorte da tempo che - nella crisi generale della scuola - si stava aprendo la strada un tentativo di tornare indietro, alle scuole speciali, alla discriminazione, alla segregazione.Per fortuna non ci sono solo questi signori in Italia, ma che fatica far emergere la nostra, consolidata, civiltà educativa. Non dobbiamo rimanere in silenzio, né cedere alla rassegnazione. Non siamo buonisti, siamo solo persone serie.
(di Franco Bomprezzi)
fonte Superando.it

Nessun commento:

Posta un commento